Come creare un blog su WordPress con Elementor

Come creare un blog su WordPress

Condividi post

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

In questa guida passo passo, ti guideremo attraverso tutti i passaggi che devi compiere per creare il tuo primo blog su WordPress, la migliore piattaforma di blog in circolazione.

Vuoi diventare un blogger di successo?

È un blog personale che vuoi scrivere o è per supportare il tuo negozio di e-commerce? Qualunque cosa sia, noi di Elementor siamo qui per aiutarti. 

Se è la prima volta che configuri un sito WordPress, non preoccuparti. Questa guida per principianti ti mostrerà come farlo in pochi semplici passaggi e assicurati che il tuo primo blog sia attivo e funzionante in pochissimo tempo. 

I semplici passaggi coinvolti:

  1. Registrazione con un provider di hosting e scelta di un nome di dominio.
  2. Installazione di WordPress.
  3. Scrivere il tuo blog.

Passaggio 1: hosting e nome di dominio

Supponendo che tu non abbia già un sito Web WordPress, il nostro primo passo sarà creare un nuovo sito.
Per poter iniziare a lavorare con WordPress, devi prima procurarti un piano di hosting e un nome di dominio.

Cos’è l’hosting? 

Un servizio di web hosting è fornito da una società di hosting e, in sostanza, è dove verrà memorizzato il tuo sito web. Il provider di hosting memorizza tutte le informazioni di un sito web sui suoi server. 

Oltre allo spazio di archiviazione, un provider di hosting può anche fornire servizi aggiuntivi come backup, sicurezza, supporto e altro, rendendolo una parte essenziale per avere un sito Web che funzioni senza problemi. 

Alcuni provider di hosting si concentrano sull’hosting di blog, altri sull’hosting di e-commerce. Alcuni sono più bravi a supportare i clienti più piccoli, mentre altri sono orientati a supportare le grandi aziende. Quindi, quale sarebbe il migliore per te?

Come scegliere un piano di hosting? 

La scelta di un piano di hosting dipende davvero dalle tue esigenze personali. 

  • Di quanto supporto avrai bisogno? Alcuni provider di hosting si rivolgono a utenti più esperti, che hanno una certa competenza tecnica. Se, tuttavia, sei nuovo a questo e hai poca o nessuna esperienza, potresti prendere in considerazione l’utilizzo di un provider di hosting con la reputazione di offrire un ottimo supporto. 
  • Quanto traffico ti aspetti? A seconda della quantità di traffico che ti aspetti, potresti scoprire che alcuni provider di hosting potrebbero non essere adatti a te. Alcuni potrebbero non supportare il tasso di traffico che ti aspetti, mentre altri potrebbero offrire un supporto di livello superiore o più professionale a un prezzo più alto.
  • Qual è il tipo di server migliore per te? Diversi provider di hosting offrono diversi tipi di server. Per esempio:
    • Hosting condiviso . Questo è il tipo di hosting più economico disponibile. In un piano di hosting condiviso, condividerai il tuo server con altre persone. Ci sono lati positivi e lati negativi in ​​questo. L’hosting condiviso è più economico, tuttavia potresti riscontrare problemi di prestazioni. 
    • Hosting dedicato . Questa è un’opzione più costosa, in cui avrai il tuo server dedicato al tuo sito web. Ottieni più supporto, ma ancora una volta questa opzione è più costosa. 
    • Hosting nel cloud . Aziende, come Amazon e Microsoft, ora offrono cloud hosting, che consente una migliore flessibilità in termini di scalabilità (se mai vorrai espandere il tuo sito in futuro) e funziona perfettamente. I prezzi variano a seconda delle tue esigenze.

Se desideri saperne di più sulle diverse opzioni di hosting, ti consigliamo di leggere questo fantastico articolo .

Cos’è un nome di dominio?

Oltre all’hosting, ti verrà richiesto di avere un nome di dominio. Un nome di dominio è l’indirizzo del tuo sito Web o, in questo caso, del tuo blog su Internet. Ad esempio, google.com e wordpress.com sono nomi di dominio.
Potrai scegliere il tuo nome di dominio una volta che ti sarai registrato con un piano di hosting.

Come scegliere un nome di dominio?

Che tipo di nome di dominio vorresti per il tuo sito blog? Probabilmente avrai notato che i siti web possono avere suffissi diversi (le lettere alla fine dell’indirizzo di un sito web) come .com , .net , .info , .org , .biz , ecc. Facevano la differenza, ma non lo fanno importa quanto prima.
Tuttavia, dovresti riflettere attentamente su come desideri che appaia il tuo nome di dominio. In generale, più breve è il nome di dominio, meglio è.
Assicurati che sia facile da scrivere e che utilizzi parole chiave (ovvero il tipo di parole che le persone di solito usano quando cercano l’argomento / gli argomenti di cui scriverai nel tuo blog).
In alternativa, se questo è il tuo blog personale, perché non usare il tuo nome? 

Esempi di provider di hosting

Ecco alcuni buoni provider di hosting. Puoi controllare i loro piani e servizi e scegliere quello che funziona meglio per te.

Passaggio 2: installazione di WordPress

Opzione 1: installazione dal dashboard del servizio di hosting

Se, ad esempio, hai scelto Bluehost come provider di hosting, tutto ciò che devi fare è accedere al tuo account di hosting Bluehost e fare clic sul pulsante Accedi a WordPress e seguire la loro semplice guida passo passo per l’installazione e la configurazione WordPress. 

In alternativa, se il tuo provider di hosting è SiteGround, una volta effettuato l’accesso, sarai accolto da un popup di “benvenuto”. Lì, seleziona l’opzione per installare WordPress e segui i passaggi guidati.

Opzione 2: installazione di WordPress da zero

  1. Vai al sito web wordpress.org e scarica l’ultima versione di WordPress. Una volta completato il download, decomprimere il file. 
  2. Crea un database per WordPress sul tuo server e un utente MySQL che avrà tutti i privilegi per modificarlo. 
  3. Carica i file WordPress sul tuo server. 
  4. Seleziona l’opzione Installa ora ed esegui l’installazione. 

Per una procedura dettagliata più dettagliata, consultare questa eccellente guida . 

Qualunque sia il modo in cui scegli di installare WordPress, una volta installato, puoi semplicemente accedere alla sua dashboard digitando il tuo nome di dominio seguito da “/ wp-admin” (ad es. Se il tuo nome di dominio è www.johnsblog.com , inserisci: www. johnsblog.com/wp-admin). 

Passaggio 3: avvia il blog

Ora sei pronto per iniziare a scrivere il tuo primo post sul tuo nuovo blog.
Ecco un modo semplice per farlo:

  1. Vai alla dashboard di WordPress.
  2. Fare clic sul pulsante + Nuovo nella barra dei menu in alto e nell’elenco a discesa delle opzioni selezionare Pubblica .
Quando viene visualizzata una nuova pagina di post, inserisci un titolo, quindi scrivi il tuo blog e aggiungi i tuoi contenuti. 
Non deve essere tutto testo. 
Puoi aggiungere immagini, video e altri media.

Quando hai finito e sei soddisfatto del tuo post sul blog, premi il pulsante Pubblica e il gioco è fatto.
Congratulazioni!! Ora sei un blogger con il tuo sito blog.

Passaggio 4: creazione di un sito blog WordPress migliore

Finora, abbiamo coperto le basi su come creare il tuo sito blog su WordPress. Tuttavia, con alcune modifiche aggiuntive, puoi migliorare l’aspetto e il funzionamento del tuo blog, rendendolo più visibile sulle piattaforme dei social media.

Utilizzo di un tema WordPress

Se ti piace dilettarti nel web design, anche un po ‘, allora dovresti sapere che WordPress viene fornito con un tema predefinito. Tuttavia, puoi personalizzare il tuo blog utilizzando altri temi WordPress , molti dei quali sono gratuiti (puoi trovare un elenco di fantastici temi WordPress gratuiti qui ). Naturalmente, ci sono anche temi premium per quel livello extra di unicità. 

Allora, come installi un tema WordPress? Facilmente! 

  • Per prima cosa, vai alla dashboard di WordPress e seleziona la scheda Aspetto nel menu della barra laterale (a sinistra). Quindi seleziona l’ opzione Temi . 

Quando viene visualizzata la sezione Temi, fare clic su Aggiungi nuovo .

  • Scegli un tema e fai clic su Installa . Una volta che il tema si registra come installato, fai clic su Attiva . È tutto quello che c’è da fare. 

Ti consigliamo di utilizzare il tema Hello. Questo è un tema progettato da Elementor come un lite, a volte noto come tema “vaniglia”. Il vantaggio di questo tipo di tema è che è un tema molto snello e ordinato, offrendoti molto più potenziale per personalizzare il design del tuo blog come preferisci, quando lo usi con Elementor Pro . 

Usa plugin consigliati 

Oltre ai temi, che migliorano gli aspetti visivi del tuo blog, puoi anche aggiungere plugin di WordPress che aggiungono numerosi altri vantaggi pratici. Ecco alcuni dei plugin consigliati per i blogger alle prime armi. 

Yoast

Yoast è un plugin SEO che ti aiuterà a migliorare la tua posizione nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. 

statistiche di Google

Google Analytics è un ottimo strumento per controllare le prestazioni del tuo blog in termini di numero di visitatori, quanto tempo hanno trascorso sul tuo sito web e molto altro ancora. Con questo plugin, puoi spostare facilmente tutte le informazioni nella dashboard di WordPress. 

Modulo di Contatto

Un altro plugin che ti sarà d’aiuto nelle prime fasi della tua carriera di blogger è il modulo di contatto che permetterà alle persone di contattarti, iscriversi a newsletter e altro ancora. 

Fortunatamente, se stai usando Elementor, non hai bisogno di un plug-in per il modulo di contatto. Hai quella e molte altre funzioni, già integrate. 

Come installare i plugin di WordPress

Installare un plugin per WordPress è molto semplice. 

  • Vai alla scheda Plugin nella dashboard di WordPress e seleziona l’  opzione Aggiungi nuovo .
  • Si aprirà una nuova finestra in cui puoi scegliere di cercare un plug-in o sfogliare l’elenco dei plug-in popolari.
    Una volta trovato quello che desideri, fai clic su Installa .

Oppure, in alternativa, vai al repository dei plugin di WordPress, scegli il plugin che desideri e scarica il file .ZIP. Una volta scaricato, puoi utilizzare la dashboard per caricarlo su WordPress utilizzando l’ opzione Carica plug- in nella stessa finestra sopra. Per saperne di più sui plugin gratuiti di WordPress, guarda questo fantastico video . 

Elementor rende molti di questi plugin obsoleti con widget di sito web su misura e controllo assoluto su tutti gli elementi di design del sito web. Fai risaltare i tuoi blog con Elementor. Provalo, è gratuito .

Prossimi passi

Una volta che il tuo blog è attivo e funzionante, potresti prendere in considerazione l’idea di migliorarlo e persino guadagnare dei soldi lungo la strada.

Fare soldi

Esistono diversi modi per guadagnare con il tuo blog. Ci concentreremo su due metodi principali: 

  • Gli annunci, o meglio i banner pubblicitari, sono un ottimo modo per guadagnare soldi sul tuo blog. Questa è una forma visiva di pubblicità, che comporta l’inserimento di annunci nelle pagine del tuo blog. Esistono due modi per guadagnare denaro tramite gli annunci. Uno è il CPC (costo per clic), dove vieni pagato per ogni clic sull’annuncio. L’altro è il CPM (costo per miglio, o più comunemente, costo per mille impressioni), dove per ogni 1000 visualizzazioni del tuo banner, verrai pagato una certa somma. 
  • Affiliate Marketing – nella definizione più semplice è il processo per guadagnare una commissione promuovendo i prodotti di altre persone. Esistono diversi tipi di marketing di affiliazione, ma quello più applicabile a un blog è promuovere il prodotto attraverso il testo e aggiungere un collegamento univoco e tracciabile al prodotto. Se un acquirente fa clic sul collegamento e acquista il prodotto, l’affiliato (tu) riceverà una commissione. 

Ecco un’eccellente guida per monetizzare il tuo sito Web WordPress . 

Ottieni più visitatori

Ottenere più visitatori è fondamentale per il successo del blog. I metodi per fare soldi sopra funzioneranno meglio se ottieni più visitatori. Esistono diversi modi che possono influenzare il numero di visitatori che ricevi e tutti hanno a che fare con la promozione del tuo blog.

Un modo per assicurarti che le persone visitino il tuo blog è assicurarti che siano consapevoli che esiste. Ciò comporta la promozione del tuo blog sui social media, attraverso campagne di email marketing e annunci a pagamento sui motori di ricerca e sui social media. 

  1. L’interazione sui social media è importante. Hai accesso a milioni di persone, che a loro volta possono condividere il tuo blog con i loro amici e familiari. Vuoi che sappiano di te, quindi semplifica la condivisione del tuo blog inserendo i pulsanti dei social media pertinenti su di esso.  
  2. Le campagne di email marketing possono essere un promemoria coerente del tuo blog. Prepara un modulo di contatto, inseriscilo nel tuo blog, prepara una newsletter, invialo e presto vedrai un grande aumento nel numero dei tuoi visitatori. 
  3. Gli annunci a pagamento non sono il metodo più economico, ma a volte è il più semplice. Ricevi annunci a pagamento e assicurati che le persone vedano il tuo blog quando cercano determinati termini e sfogliano determinati argomenti. 

Ottimizzazione SEO

Abbiamo accennato all’ottimizzazione SEO. Ma vorremmo soffermarci un po ‘di più sull’argomento. L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è l’arte, anzi, la scienza per assicurarsi che i tuoi contenuti siano visibili per primi nella pagina dei risultati di un motore di ricerca. Perché? Perché le persone tendono a scegliere i risultati migliori. Più sei in alto, più è probabile che facciano clic sul link al tuo blog. 

Le aziende assumono professionisti SEO per avere successo nei loro siti web, ma ci sono alcune cose che i proprietari di blog possono fare da soli per ottimizzare il loro SEO. 

  1. Meta Titoli e Meta Descrizioni: questi sono i titoli e le descrizioni che vedi nella pagina dei risultati. Quindi, devi assicurarti che spieghino di cosa tratta il tuo blog e lo rendano attraente per il lettore. 
  2. Ricerca per parole chiave: quando scrivi il tuo blog, assicurati di fare una ricerca per parole chiave e vedere cosa cercano le persone quando cercano un argomento specifico e aggiungi queste parole chiave al tuo blog.
  3. Esperienza utente: l’esperienza utente è influenzata da diversi fattori, tra cui il design del blog, la sua navigazione, la velocità di caricamento del blog e se il blog è ottimizzato per i dispositivi mobili. Assicurati di tenerne conto. Rendi più facile per i tuoi utenti navigare da un post all’altro, riduci le dimensioni delle tue immagini e assicurati che il design che implementi funzioni bene sulla piattaforma mobile tramite una funzionalità di modalità reattiva, proprio come Elementor. 
  4. Concorrenza: controlla i tuoi concorrenti di alto livello e cerca di capire perché stanno facendo meglio di te. Prendi ispirazione da loro e migliora il tuo blog.
  5. Valore – Infine, ma soprattutto, pensa sempre al valore che puoi dare ai tuoi utenti e cerca di offrire loro la migliore esperienza. 

Conclusione 

Creare un blog su WordPress è molto semplice. Tutto quello che devi fare è ottenere un piano di hosting, registrare un nome di dominio, installare WordPress e sei pronto per partire. 

Tuttavia, per diventare veramente un maestro del blogging, ti consigliamo di investire un po ‘di più negli strumenti che utilizzi e nei metodi che impieghi. In questo video tutorial troverai alcuni ottimi suggerimenti su come scrivere post di blog di successo. 

Se hai bisogno di maggiori informazioni su come costruire un sito Web WordPress e elementi specifici in esso come una homepage, un’intestazione e un piè di pagina e altro, ecco un ottimo video tutorial , ed ecco un ottimo articolo per coloro che hanno difficoltà a costruire il loro primo Sito Web WordPress. 

Creare un blog è molto più semplice con Elementor. Elimina la necessità di scaricare molti dei plugin, ti dà il controllo totale sul design visivo del tuo sito web e ha numerosi altri vantaggi.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta aggiornato con ultime novità su WordPress

Altro da esplorare